<bgsound loop='infinite' src='https://sites.google.com/site/grafo2000/home/Stille-Nacht.mp3'></bgsound> -->
Google+

Cerca un articolo nel blog

Grazie per aver visitato il Blog, adesso sono le ore |

domenica 2 aprile 2017

DON FABRIZIO FIORENTINO ...UN PRETE MODERNO!


 •  “Così va il mondo: invece del cardinale Bagnasco, muore Marco Pannella”  • 



PALERMO - Questa è la frase incriminata che avrebbe pronunciato il religioso, che non è nuovo a provocazioni del genere, del tutto improponibili per un uomo di fede: “Così va il mondo: invece del cardinale Bagnasco, muore Marco Pannella. A lui sì avrei affidato la guida dei Vescovi italiani”, questa per intero è la frase, non edificante, con cui si è espresso don Fabrizio Fiorentino parroco della piccola borgata marinara dell'Addaura a Palermo. Uno dei tanti preti modern(ist)i del nuovo corso di questa tanto osannata nuova chiesa (cattolica?), finalmente in (libera) uscita.
Liberamente redatto riassumendo diversi articoli letti girovagando sul web, da: | Marco Matteucci | Domenica 2 Aprile 2017


A scrivere il polemico post su Facebook non è stato un agguerrito anticlericale, né un presunto nemico della Chiesa, ma un sacerdote cattolico di Palermo, don Fabrizio Fiorentino, cappellano della Polizia di Stato. Questi fatti se paragonati al caso di un altro prete siciliano, don Alessandro Minutella (qui a fianco), il quale è stato sospeso dal "vescovo in bicicletta" di Palermo per non essersi voluto adeguare ai dettami di Amoris Laetitia, senza dubbio fanno e faranno riflettere tutti noi.

Nella chiesa d'oggi si usano due pesi e due misure

Nel giorno in cui lo storico leader dei Radicali è scomparso, il giovane sacerdote, già guida della parrocchia del quartiere Addaura che tempo addietro ha fatto parlare di sè per l’originale “aperimessa”, ha pubblicato un post su un social network rammaricandosi per il fatto che a passare a miglior vita non sia stato il presidente della Conferenza episcopale italiana ma Pannella, volto storico delle campagne referendarie per il divorzio e l’aborto. Guardando il profilo di don Fabrizio non è difficile trovare post sarcastici e anche polemici nei confronti di alcuni esponenti del mondo ecclesiale, ma forse in pochi si sarebbero aspettati tanta audacia.

IL PROFILO DEL RELIGIOSO:

Comunione, cocktail, stuzzichini e samba

Per descrivere meglio le originali "abitudini" del religioso palermitano e capire meglio la sua pastorale "innovativa" vi raccontiamo l'originale trovata di questo giovane sacerdote che dopo la celebrazione della Santa Messa, nello stesso luogo dove si è celebrata la Commemorazione del Corpo e Sangue di Cristo, allestisce in seguito una misericordiosa"aperimessa" con tanto di buffet e danze sfrenate in riva al mare al ritmo di samba e bossanova.
Se alla preghiera accostiamo prosecco, stuzzichini e musica, ecco che impazza, a Palermo, l’Aperimessa, ideata dalla mente creativa di un giovane prete, don Fabrizio Fiorentino, 43enne, parroco della chiesa di Maria SS. dell’Addaura.
Prima la cerimonia religiosa poi, alla fine del rito, nello stesso luogo dove prima si è celebrata la Santa Messa, l’aperitivo e le danze al ritmo di samba e bossanova. Il tutto si celebra in un prato sulla costa, accanto alla piccola chiesetta di periferia.
La particolare trovata di don Fabrizio sta riscuotendo molto successo e, grazie anche al tam-tam che si è creato sui social network, i fedeli sono aumentati velocemente ed ora, alla celebrazione della funzione domenicale o forse presumibilmente al dopo, partecipano ogni giorno comandato migliaia di persone ossequianti.
Tra i commenti sul social network, com’era prevedibile, non sono tuttavia mancate le polemiche, dalle quali Don Fabrizio si difende così:
“Papa Francesco dice che la comunità debba essere aperta e gioiosa, sono questi gli ingredienti necessari se veramente si vogliono rivitalizzare le periferie. Il rito viene rispettato in modo più che dignitoso. Poi, alla fine della funzione, chi vuole resta, offre il suo contributo e può rimanere per un aperitivo e ascoltare della buona musica”.
LASCIO A CHI LEGGE IL COMPITO DI TRARRE OGNI DEBITA CONSIDERAZIONE IN MERITO A QUANTO ESPOSTO ED INVITO COLORO CHE CREDONO NELLA PREGHIERA A MUNIRSI DEL SANTO ROSARIO (come suggerito da D. Minutella)

Nessun commento :

Vuoi commentare questo Post?

Inizio Pagina Su Pagina Giù Fondo Pagina Auto Scroll Stop Scroll